Gruppo per le attività smart

 Scardinare l’idea di scuola intesa solo come edificio dove trascorrere una mattinata curriculare e basta: ecco l’idea del prof. Mariano Cocco e a cui i docenti del “Don gavino Pes”, con l’aiuto del gruppo smart d’istituto, cerca di dare corpo e sostanza. Il gruppo per le attività smart è costituito da docenti ed assistenti tecnici dotati di varie professionalità: il prof. Mariano Cocco, docente di matematica e animatore digitale d’istituto, il prof. Massimo Maciocco docente tecnico pratico di elettronica ed amministratore di sistema, il prof. Marco De Guglielmo docente tecnico pratico di costruzioni, il Prof. Luca Piergentili, docente di elettronica ed informatica e Fabrizio Sanna, assistente tecnico di area informatica. Il gruppo sostiene il processo di innovazione didattica grazie all’introduzione delle nuove tecnologie digitali, dalla flipped classroom alla classe scomposta, dalla BYOD alla creazione di laboratori ed aule smart, avendo come obiettivo di creare nuove opportunità di apprendimento dalle nuove morfologie delle TIC e degli strumenti del digitale. 

 Didattica a distanza (D.A.D.)

MANUALI E GUIDE (a cura dell’Animatore Digitale Prof. Cocco Mariano)

Indicazioni per accedere a GSuite Edu.

REQUISITI per partecipare al Collegio dei Docenti a distanza con Meet

Manuali Weschool

Istruzioni Weschool e videoconferenza

Guida e videolezioni

Test e verifiche – Video

Lezioni – Video

Iscrizione a Weschool – Video

Link ai minitutorial per argomento di Weschool

Come registrare una lezione

Disattivazione aula Weschool-Colloqui scuola famiglia

TUTORIAL “GUIDA ALL’USO DI WESCHOOL” (a cura del Prof. Piergentili Luca- Gruppo Smart) 

Weschool – Video Quiz

Weschool – caricare esercizi in pdf e ricevere soluzione come allegato

Weschool – pubblicazione di video lezioni

LINEE GUIDA D.A.D. IIS DON GAVINO PES a.s. 2019-20

REGOLAMENTO LINEE GUIDA DIDATTICA A DISTANZA a.s. 2019-20

RISORSE IN RETE PER LA DIDATTICA A DISTANZA:

  •  la piattaforma  Impari  è un ambiente di apprendimento social che consente di produrre oggetti didattici in collaborazione e condivisione fra studenti e docenti, in aula e a casa, ed è ottimizzato per le LIM e tablet.   disponibile al seguenti link:  https://www.impari-scuola.com/index_ita.html
  • il manuale per il suo utilizzo : manuale_impari

RENDICONTAZIONE QUESTIONARIO DOCENTI SULLA D.A.D ( a cura dell’animatore digitale)

Periodo 9 marzo -10 aprile

SINTESI MONITORAGGIO D.A.D QUESTIONARIO DOCENTI

Periodo 10 aprile- 16 maggio

SINTESI MONITORAGGIO D.A.D. QUESTIONARI STUDENTI- FAMIGLIE-DOCENTI

 

 

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PER IL PTOF 2016-19

 

Premessa

 

Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), valido fino al 2020 – adottato con Decreto Ministeriale n. 851 del 27 ottobre 2015 – è una delle linee di azione della legge 107, “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”.

Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale.

Il PNSD prevede tre grandi linee di attività in merito a miglioramento dotazioni hardware, attività didattiche e formazione degli insegnanti. Ciascuna di queste mette in campo finanziamenti, quasi tutti tramite bando di progetti che le scuole devono presentare. E’ utile ricordare che le azioni del PNSD sono programmate secondo piani di finanziamento di sostegno al conseguimento degli obiettivi tematici dell’Accordo di partenariato che è lo strumento con cui la Commissione europea ha adottato un Accordo di Partenariato con l’Italia in cui si definisce la strategia per un uso ottimale dei Fondi strutturali e di investimento europei per il periodo 2014-2020.

L’Accordo di Partenariato prevede, nel campo dell’istruzione, le seguenti linee di indirizzo strategico: la “diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola” e “l’adozione di approcci didattici innovativi, attraverso il sostegno all’accesso a nuove tecnologie e la fornitura di strumenti di apprendimento adeguati” finalizzate al “miglioramento dei livelli di apprendimento degli allievi”. In questo senso “la programmazione 2014-2020 deve fornire un apporto essenziale all’accelerazione dei processi di innovazione della scuola e della formazione italiana, in linea con gli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea e della strategia dell’Agenda Digitale Italiana, intervenendo in direzione di una maggiore semplificazione e digitalizzazione del mondo dell’istruzione e della formazione (…)”.

La legge 107/15 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell’Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale, per perseguire obiettivi (comma 58):

• di sviluppo delle competenze digitali degli studenti
• di potenziamento degli strumenti didattici laboratoriali necessari a migliorare la formazione
e i processi di innovazione delle istituzioni scolastiche,
• di adozione di strumenti organizzativi e tecnologici per favorire la governance, la
trasparenza e la condivisione di dati,
• di formazione dei docenti per l’innovazione didattica e lo sviluppo della cultura digitale,
• di formazione del personale amministrativo e tecnico per l’innovazione digitale nella
amministrazione,
• di potenziamento delle infrastrutture di rete,
• di valorizzazione delle migliori esperienze nazionali,
• di definizione dei criteri per l’adozione dei testi didattici in formato digitale e per la
diffusione di materiali didattici anche prodotti autonomamente dalle scuole.

Si tratta di un’opportunità di innovare la scuola, adeguando non solo le strutture e le dotazioni tecnologiche a disposizione degli insegnanti e dell’organizzazione, ma soprattutto le metodologie didattiche e le strategie usate con gli alunni in classe. Animatore Digitale

L’azione #28 del Piano Nazionale Scuola Digitale prevede la nomina di un docente ad “animatore digitale” ossia un docente che deve elaborare progetti ed attività per diffondere l’innovazione nella scuola secondo le linee guida del PNSD. Secondo il Prot. n° 17791 del 19/11/2015 l’AD riceverà una formazione specifica al fine di “favorire il processo di digitalizzazione delle scuole nonché diffondere le politiche legate all’innovazione didattica attraverso azioni di accompagnamento e di sostegno sul territorio del Piano nazionale Scuola digitale”.

Il suo profilo (cfr. azione #28 del PNSD) è rivolto a:

FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l’organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente un formatore), favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi.

COINVOLGIMENTO DELLA COMUNITA’ SCOLASTICA: favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di workshop e altre attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa.

CREAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE: individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure.

D.M. 851-del-27-ottobre-2015-PNSD

PNSD-MIUR

PIANO DIGITALE TRIENNALE D’ISTITUTO IIS DON GAVINO PES 2016-19

 

NOMINA ANIMATORE DIGITALE IIS DON GAVINO PES

 

ATTIVITA’ PREORGANIZZATIVE GENNAIO/GIUGNO 2016

  • creazione di un gruppo di lavoro “Team digitale”. Ripartizione compiti,
  • elaborazione di un questionario di monitoraggio del livello di competenze digitali possedute e attese dal Collegio Docenti,
  • pubblicizzazione e socializzazione delle finalità/opportunità del PNSD con il corpo docente
  • produzione di dispense sia in formato elettronico che cartaceo per l’alfabetizzazione al PNSD d’istituto,
  • sito web scuola: adeguamento alla normativa, inserimento sezione dedicata al PNSD,
  • pubblicazione delle buone pratiche messe già in atto nella scuola; elenco siti utili per la didattica innovativa; lavori prodotti dagli alunni; informazioni su corsi online,
  • formazione specifica per Animatore Digitale.